UNA CLASSE RACCONTA

FILASTROCCA corale Taragneula ‘d Cavaja Con quat sòld a la giornà. Con quat sòld e na michoetta La fò balà la borichoetta Maestra: Bambini, per favore silenzio! Cos’è questo? Il mercato del mercoledì? Ines non correre sempre! Sorelle Picadura, adesso non si cuce, ritirate, per favore! Netta metti via quel crocifisso, non si porta la croce…nella cartella! Allora: Interrogazione. (brusio) Oggi lezione di Storia….(brusio) Storia di Cavagli? (esultaz. contenuta) Allora, Ines? Ines Il nome stesso di Cavagli? rivela la sua antica origine, esso infatti denuncia la sua origine celtica. Maestra: Nei documenti quali varianti dei nomi di Cavaglià si trovano? Netta (alza la mano e così le altre, la maestra dà la parola con un cenno de capo o un si o un dimmi) Caualiaca e Cavagliaca 1 sorella Cabanaca e Cabaliate- 2 sor Cavanac o Cavaniac Ines Cabagliata o Cabaliaca Netta Caballarium e Cavaglià Maestra: qual è il significato del nome? Ines: Risale ai celti, un insediamento detto dei Caballi o Cavalli, di qui l’appellativo al paese, di borgo dei cavalli espresso dal vocabolo Cabagliata o Cabaliaca. Sorella 2 Invece centra la radice Cav. In origine il nome doveva essere Cavanac o Cavaniac, che significava paese delle cave o delle miniere Netta Il Casalis pensa che il suo nome derivi dalle mandrie dei cavalli che i Romani allevavano nelle groppiere circostanti, e si potrebbe anche dire che il nome è rimasto a 2 regioni: Bricco Cavallino e Monte Cavallino. Sorella 1 Il Rondolino invece dice che l’etimologia è nella voce celtica Caula, che significa cavit? naturali formate da colli isolati e da catene di colli a guisa di valli e convalli, cioè territorio formato da valli e convalli. Proprio com’ è il nostro paese: formato da case sparse sui colli e agglomerate nelle valli. Infatti tutti i tratti della Serra che vanno da Andrate a Roppolo, da Masino a Moncrivello non presentano in nessun altro luogo una superficie così avvallata, così sinuosa, così frastagliata di colli come nel territorio cavagliese. Valle fredda, Vallazza, Valle Servara. Montemaggiore, Montesabena, Moncocca, , e poi per scendere al Lago si trovano valli e luoghi denominati: Valservara, Roleto, Sapello da Muro…probabilmente i Celti fortificarono questi valichi con mura di pietre di cui ancora oggi esistono i resti. Maestra Molto bene. La cosa certa è che Cavaglià ha origini antichissime. Sono stati ritrovati oggetti antichi appartenenti a quelle più remote della storia e, addirittura, alle epoche preistoriche. Gli oggetti ritrovati furono raccolti dal Gastaldi e poi donati al Museo Civico di Torino. Nei secoli Cavaglià ha avuto una storia ricca e importante, non dimenticatevene……