Mia madre era figlia unica (alcuni racconti)

audioracconti registrazioni Studio otto

 

Antologia di racconti curata da Marco Conti

 

 

 

 

Titolo: SPAGHETTI
Autore: Mario Nardi
Tratto da Mia madre era figlia unica
Voce Toni Mazzara
Durata: 1:04
Sinossi: Alla maniera di Francis Ponge

 

Titolo BANG BANG
Autore: Donatella Lanza
Voci Maurizio Di Girolamo, Bianca Macrì, Erika Borroz, Giorgia Fassiano

Sinossi: un ragazzino, sua madre e sua nonna in viaggio,il ragazzino deve tornare da suo padre, ma la sua è una famiglia sbagliata, distrutta e  difficile. Il ragazzo decide di pareggiare i conti….

Titolo: FIORI DI ZUCCA
Autore: Ivana Nerva
Tratto da Mia madre era figlia unica e altri racconti
Voce Elena Mammone
Durata: 8:59
Sinossi: Erano due mesi che la vedova Piscopo non riposava e anche quella notte il bambino del piano di sopra iniziò a piangere….

 

Titolo: IL VIAGGIO SEGRETO DEL DOTTOR GINOTTI

Autore: Maura Rastellino

Voce  Laura Righi

Tratto da Mia madre era figlia unica

Durata: 6:18

Sinossi: Il dott. Ginotti è un datore di lavoro preciso e puntuale, un uomo tutto d’un pezzo…ma nasconde alcune parti di sé

Titolo: FENG SHUI
Autore: Patrizia Marchetti
Tratto da Mia madre era figlia unica
Voce Cristina Robasto
Durata: 6:36
Sinossi: Una giovane donna decide di divorziare perché suo marito si rifiuta di cambiare il forno di casa che brucia le torte. Riuscirà nel suo intento o si lascerà sopraffare ancora una volta dalla personalità dominante del partner?

 

itolo: LA CERCATRICE DI PAROLE
Autore: Paola De Giorgi
Tratto da Mia madre era figlia unica
Voce Manuela Ferrazzi
Sinossi: …ho pensato a te come a una parola, l’unica che non ho ancora voluto cercare…

Titolo: ADRIAN
Autore: Ivana Nerva
Tratto da Mia madre era figlia unica
Voce Paolo Canfora
Durata: 6:51
Sinossi: Zitti! Tutti fuori! Voglio rimanere da solo in silenzio. Non sfioratemi, non lo sopporto!

 

Titolo: IL COLONNELLO

Autore: Patrizia Marchetti
Voce Manuela Tamietti

Tratto da Mia madre era figlia unica

Sinossi: Il colonnello veniva a trascorrere l’estate in una vecchia casa appartenuta alla famiglia di sua moglie. Estratto da alcuni ricordi d’infanzia di Patrizia Marchetti